I protocolli di sterilizzazione a prova di Covid-19 per il tuo studio dentistico

sterilizzazione studio dentistico

Evitiamo rischi di “Cross Infection” tra studio e laboratorio, e viceversa. L’emergenza sanitaria in corso impone misure rigorose che un ambiente sicuro in cui lavorare e ricevere cure. A questo proposito le infezioni crociate o cross infection, che si possono verificare nei passaggi di materiali, impronte e manufatti tra studio e laboratorio, e viceversa, meritano ancora maggiore attenzione per evitare l’ulteriore la diffusione del Covid-19. Il metodo più sicuro è affidarsi procedure strutturate di profilassi e sterilizzazione. Soprattutto per quanto riguarda:

                Impronte

                Morsi

                Placche di registrazione

                Protesi

Le azioni che Studio dentistico e laboratorio andranno ad attuare per garantirsi reciproca sicurezza sono già state in larga parte indicate dalle Linee Guida Ispesl emanate nel 2010.

 

Procedure di consegna delle impronte da parte dello Studio Dentistico

Durante il passaggio di impronte (morsi o placche di registrazione) dallo studio dentistico al laboratorio odontotecnico è necessario un trattamento di decontaminazione e detersione per eliminare da subito residui organici e quindi potenziali rischi di propagazione del virus:

                Decontaminazione: si rimuove sommariamente il materiale organico che rischia di rendere inefficaci i disinfettanti, evitando getti d’acqua o di aria che possano nebulizzare materiale contaminato. È possibile impiegare normale acqua o ricorrere all’amuchina al 10% per 5 minuti (o al 5% per 15), immergendo l’impronta e poi allontanando lo sporco.

                Disinfezione: va eseguita con soluzioni al 62-71% di etanolo, 0,5% di perossido di idrogeno, 0,1% di ipoclorito ed impiegano circa 1 minuto per rendere effettiva la disinfezione per il Sars-CoV-20.

È inoltre assolutamente necessario: evitare reinfezioni post disinfezione/sterilizzazione, eseguendo trasporti in busta chiusa e separando rigorosamente le zone operative da quelle per compilare le prescrizioni.

 

Protocolli di sicurezza per il laboratorio odontotecnico

Allo stesso modo dello studio dentistico anche il laboratorio è tenuto ad una stretta osservazione di misure di cautela che riducano al minimo ogni rischio di propagazione del Covid-19. Sebbene sia stato efficacemente disinfettato, il materiale proveniente da studio va considerato potenzialmente infetto e trattato applicando almeno una ulteriore disinfezione.

In fase di consegna di una protesi o qualsiasi manufatto, destinato poi al paziente, va quindi nuovamente

                decontaminato,

                deterso,

                disinfettato e rilavato per allontanare eventuali residui tossici

Anche nel laboratorio, così come nello studio è essenziale identificare zone: ad alto rischio, dove cioè si tratta materiale potenzialmente infetto, a medio rischio o di collegamento e a basso rischio. Tuttavia, il crescente impiego di scanner e tecnologie digitali ha consentito una notevole riduzione di rischi di contaminazione durante le fasi progettuali delle protesi.

 

Sterilizzazione dei dispositivi medici. Come eseguirla in modo corretto e sicuro

Anche il processo di sterilizzazione dei dispositivi medici prevede diverse fasi che garantiscono la sicurezza del paziente nel ricevere cure con strumenti adeguatamente sterilizzati, partendo dalle Linee Guida Ispesl emanate nel 2010. Il concetto di sicurezza delle cure è oramai inscritto all’interno del diritto alla salute che deve essere prioritariamente tutelato (Legge Gelli-Bianco 2017).

Il processo comprende:

                Raccolta: Una volta raccolto lo strumento va smontato in un contenitore sicuro che eviti la fuoriuscita dei liquidi che potrebbe contenere.

                Decontaminazione: vanno rimossi i residui organici che possono rendere inefficace il disinfettante

                Lavaggio: ogni singolo parte dello strumento deve essere ben immersa nella soluzione disinfettante

                Asciugatura: con pistola ad aria compressa o un semplice panno di carta o di stoffa, che non rilasci fibre sugli strumenti. Turbine e manipoli vanno lubrificati per mantenere l’efficienza meccanica e ridurre il rischio di contaminazioni crociate

                Confezionamento: deve poter conservare adeguatamente la sterilità, riducendo il rischio di contaminazione al momento dell’apertura.

                Stoccaggio: su superfici adeguatamente sterilizzate ripetutamente.

Facendo capo a questi protocolli è possibile poter garantire un ambiente sicuro che salvaguardi la salute di operatori e pazienti, arrestando con efficacia il propagarsi del Covid-19.



Fonti:

http://www.odontoiatria33.it/approfondimenti/19652/protocolli-anti-covid-tra-studio-e-laboratorio.html
https://www.dentistamanager.it/sterilizzazione-degli-strumenti-nello-studio-dentistico/
http://www.odontoiatria33.it/gestione-dello-studio/17391/disinfezione-detersione-e-sterilizzazione-nello-studio-odontoiatrico-le-procedure-necessarie.html


‹ Indietro

CONTATTI

+39 045 823 8611
+39 045 823 8612
info@revello.net
PEC: revello@revellospa.it
Codice SDI: SN4CSRI
Codice NSO: P9E003QO
Sede centrale: Via Enrico Fermi, 20 - 37135 Verona
Cliccando su "Iscriviti" accetti la nostra privacy policy. Leggi

RICHIEDI INFORMAZIONI

I campi contrassegnato con * sono obbligatori
Cliccando su "Invia" accetti la nostra privacy policy. Leggi