Cone-Beam 3D sbagliate: come è possibile evitarle?

Cone-Beam 3D sbagliate

In un articolo pubblicato recentemente su una rivista internazionale (*), sono stati analizzati più di 1700 esami Cone-Beam ed è stata redatta una classifica delle maggiori cause di errore che hanno comportato la riesecuzione dell’esame. 

 Sorprendentemente la causa della maggior parte di riesecuzioni dell’esame, ben il 57,5%, è stata individuata nella scelta di un campo di vista (FOV, Field Of View) sbagliato. Un campo, cioè, di dimensioni inadeguate a comprendere interamente al suo interno la patologia oggetto di esame. 
 Le cause della riesecuzione degli esami sono state affrontate spesso anche in altri articoli clinici. Lo scopo di questo scritto è di individuare una soluzione tecnologica efficace per evitare l’occorrenza di riesecuzione per le due maggiori cause: il FOV inadeguato e gli artefatti da movimento, secondi in questa classifica con il 27.5%.
  

Il campo di vista (FOV) inadeguato

Le più avanzate apparecchiature Cone-Beam 3D sono dotate di FOV multipli (per esempio: doppia arcata, singola arcata, mezza arcata…) selezionabili dall’operatore. Le norme sulla protezione da radiazioni incoraggiano gli operatori ad utilizzare il FOV più piccolo possibile, per ridurre la dose non necessaria al paziente. 
La giustificata attenzione nella selezione del FOV più piccolo possibile potrebbe portare l’operatore a sottostimare il volume da indagare e, quindi, incorrere nella esecuzione di un esame parzialmente o totalmente inutilizzabile. 

Le apparecchiature NewTom sono dotate di una funzione di anteprima che permette di verificare il corretto posizionamento. Come funziona questa anteprima (o Scout View)? Durante la proceduta, ma prima di fare la scansione vera e propria, l’apparecchiatura scatta due immagini 2D a bassissimo dosaggio (circa 0,3% della dose totale) una a 90° dall’altra.

giano-hr
 
L’operatore può quindi verificare se tutti i dettagli anatomici sono compresi nel campo di vista e, se ciò non fosse, spostare il FOV direttamente dalla consolle di comando. NewTom è infatti dotato della possibilità (unica nel settore) di spostare il FOV nei tre assi motorizzati: X, Y e Z. Il quotidiano utilizzo di questa funzione abbatte il tasso di errore per FOV inadeguato o non centrato a zero.

Gli artefatti da movimento

Non esistono ancora tecnologie mature per la correzione software degli artefatti da movimento. Un effetto importate lo si ottiene invece adottando delle strategie adeguate di comunicazione con il paziente e di setup dell’esame:
  • Utilizzare il craniostato in modo corretto.
  • Tranquillizzare il paziente descrivendogli anticipatamente tutto ciò che succederà (la macchina si muoverà, sentirà dei suoni, non ci saranno effetti come calore o scosse elettriche…).
  • Dare al paziente una finestra temporale (l’esame durerà 20 secondi…).
  • Fare l’esame a paziente seduto
  • Fare chiudere gli occhi al paziente immediatamente prima della scansione
L’insieme di questi accorgimenti diminuirà in modo importante i movimenti involontari del paziente. 
  

Conclusioni

L’adozione di una apparecchiatura dotata di meccanismo di anteprima e una comunicazione costante e coerente con il paziente, permettono di intervenire e abbassare drasticamente l’occorrenza delle due maggior cause di riesecuzione dell’esame (85%): FOV inadeguato e Artefatti da Movimento



RIFERIMENTI 
*Hung K, Hui L, Yeung AWK, Scarfe WC, Bornstein MM. Image retake rates of cone beam computed tomography in a dental institution. Clin Oral Investig. 2020 Dec;24(12):4501-4510. doi: 10.1007/s00784-020-03315-3. Epub 2020 Jun 2. PMID: 32488487.

‹ Indietro

CONTATTI

+39 045 823 8611
+39 045 823 8612
info@revello.net
PEC: revello@revellospa.it
Codice SDI: SN4CSRI
Codice NSO: P9E003QO
Sede centrale: Via Enrico Fermi, 20 - 37135 Verona
Cliccando su "Iscriviti" accetti la nostra privacy policy. Leggi
Presa visione dell' informativa riportata qui autorizzo il trattamento dei dati come descritto in informativa per le finalità di Marketing Diretto (finalità 1.B) – campo facoltativo

RICHIEDI INFORMAZIONI

I campi contrassegnato con * sono obbligatori
Cliccando su "Invia" accetti la nostra privacy policy. Leggi
Presa visione dell' informativa riportata qui autorizzo il trattamento dei dati come descritto in informativa per le finalità di Marketing Diretto (finalità 1.B) – campo facoltativo