Procedure di igiene orale nello Studio dopo il Covid-19

Procedure igiene orale

Procedure d’accoglienza prima della pulizia dei denti

La procedura per l’accoglienza  inizia molto prima della seduta di pulizia dei denti. Il primo step consiste in un triage telefonico per programmare l’appuntamento. Si escludono i pazienti con maggiore probabilità di risultare contagiosi:

-        in caso di sintomi compatibili a quelli del coronavirus,

-        venuti a contatto con casi positivi

I pazienti asintomatici sono difficili da individuare e quindi è fondamentale seguire tutti i protocolli e le misure di igiene come misurare la temperatura del paziente prima che entri in clinica garantendo una seduta d’igiene orale nella piena sicurezza per tutti.


Dentro lo studio…

In clinica, pazienti e operatori devono lavarsi le mani con sapone o disinfettante. Gli operatori sono tenuti ad indossare i seguenti DPI per assicurare il contenimento del contagio durante la pulizia dei denti.

-        schermi e/o occhiali

-        mascherine

-        camici e guanti monouso,

-        cuffie

Per i pazienti è disposto di indossare la mascherina prima di entrare in clinica. Inoltre per evitare qualsiasi rischio, prima della pulizia dei denti al paziente sarà richiesto di effettuare uno sciacquo di almeno 30 secondi con clorexidina al 20% non diluita.

 

Quali strumenti garantiscono la sicurezza durante l’igiene dentale?

Conclusa la fase di accoglienza in studio, si passa alla fase operativa in cui si procede all’igiene dentale per il paziente. Durante la seduta andranno adottate alcune accortezze per garantire la massima sicurezza di medici e pazienti a seconda degli strumenti impiegati per procedere alla pulizia dei denti.

-        Gli strumenti ad ultrasuoni, richiedono l’uso dei DPI per gli operatori per garantire la massima protezione dalla nebulizzazione dei biofilm batterici. Tuttavia è possibile ricorrere con efficacia a strumenti ad ultrasuoni per l’igiene dentale impostando una  aspirazione ad alta velocità per un migliore comfort del paziente, evitando qualsiasi inquinamento da aerosol e di bagnargli il viso con la nebulizzazione. L’aerosol viene quasi totalmente risucchiato. Inoltre per gli studi odontoiatrici che non hanno un impianto di estrazione ed immissione dell’aria, si consiglia di tenere le finestre aperte. Un altro utile stratagemma è l’utilizzo del pedale ad intermittenza riducendo così al minimo la nebulizzazione.

-        Gli strumenti manuali: devono assicurare all’igienista efficacia ed ergonomia. Strumenti universali quali le curette a doppia lama e gli scaler consentono di ridurre i tempi e ottimizzare la seduta d’igiene dentale evitando completamente la produzione di aerosol.

-        Ozonoterapia, Laserterapia: risultano particolarmente indicate per le capacità ossidanti capaci di agire efficacemente contro i virus. Inoltre la mancanza di produzione di aerosol di microrganismi porta entrambe ad essere terapie sicure per garantire una appropriata pulizia dei denti al paziente riducendo i rischi di contagio in modo significativo.

Escluso l’impiego di siringhe ad aria e acqua. Queste producono molti splatter, schizzi e bollicine per via del getto che batte su denti e gengive e che impattando produce innumerevoli traiettorie di rimbalzo. Per rimuovere sangue e tartaro creati dalla strumentazione manuale, si può rientrare negli spazi interprossimali con la strumentazione ultrasonica.  

 

Disinfezione area clinica post seduta d’igiene dentale

Al termine della seduta d’igiene dentale si rimuovono le barriere e si decontamina: raccolta; decontaminazione; detersione; risciacquo; asciugatura; confezionamento; sterilizzazione.

 

Ultimi accorgimenti…

La saliva è un veicolo ideale per la trasmissione orizzontale del virus: durante le sedute di igiene dentale, diventa alquanto complicato evitare l’aerosol che si produce. I cambiamenti principali sono finalizzati ad evitare esposizioni dirette dei pazienti alla saliva di pazienti potenzialmente infetti.

Siccome il paziente viene a stretto contatto con la strumentazione e tutto ciò che costituisce l’ambiente, dopo ciascuna seduta è necessario disinfettare tutto in profondità.

Per rassicurare efficacemente i paziente bisogna rendere ben chiari tutti i protocolli adottati sin dall’inizio specificando che tali misure sono a garanzia del loro comfort e benessere. 

‹ Indietro

CONTATTI

+39 045 823 8611
+39 045 823 8612
info@revello.net
PEC: revello@revellospa.it
Codice SDI: SN4CSRI
Codice NSO: P9E003QO
Sede centrale: Via Enrico Fermi, 20 - 37135 Verona
Cliccando su "Iscriviti" accetti la nostra privacy policy. Leggi

RICHIEDI INFORMAZIONI

I campi contrassegnato con * sono obbligatori
Cliccando su "Invia" accetti la nostra privacy policy. Leggi